Visit Sogliano al Rubicone - Ispirami - Passeggiata in Centro Storico - Banner New

Passeggiata in Centro Storico

Passeggiata in Centro Storico.

Benvenuti a Sogliano al Rubicone, un paese sospeso fra mare ed Appennino! Prima di Iniziare la passeggiata vi invitamo a parcheggiare (se venite in auto o moto) nel parcheggio panoramico sito in via Roma (auto) o in via XX settembre (moto) entrambi  limitrofi al Centro Storico.

Da qui vi invitiamo a dirigersi in piazza Matteotti passando da via Cavour dove sorge la Chiesa di San Lorenzo Martire, ricostruita negli anni dal 1789 al 1819 sui resti di una chiesa più antica, risalente al 1144. Conserva le epigrafi di due illustri soglianesi: il poeta Lorenzo Frizzolio (1532-1597) e Mons. Michele Rubertini (1885-1978). 

In piazza Matteotti si notano l’ex Casa del Fascio edificata nel 1941 dall austera ma imponente struttura architettonica e la Fontana delle Farfalle, uno dei simboli di Sogliano  ideata da Tonino Guerra e inaugurata nel 2003.

Scendendo verso piazza Mazzini si ha di fronte il Teatro Comunale “Elisabetta Turroni” costruito nel 1867 ed inaugurato nel 1997; alla sinistra la Chiesa del Suffragio che risale al 1679, visitabile gratuitamente durante i normali orari di apertura, al suo fianco svetta la Torre Civica inaugurata nel 1867. 

All’interno della Chiesa del Suffragio sono conservate pregevoli opere artistiche: “La sacra famiglia con le anime purganti”, quadro ad olio risalente alla metà del XVIII secolo, racchiuso da una cornice in legno dorato; ancona d’altare la “Madonna delle Vigne”, datata 1575; la “Madonna dello Spasimo”, dipinto anteriore all’anno 1520; Paliotto d’altare in scagliola policroma raffigurante le anime del purgatorio, datato 1713.

Da piazza Mazzini si arriva a piazza della Repubblica dove si trovano, uno di fronte all’altro, Palazzo Mariani e Palazzo David, oggi entrambi adibiti a sede del Municipio.

All’interno del Palazzo Mariani sono conservate alcune lapidi di notevole interesse storico e una grande opera in marmo raffigurante il Leone di San Marco, fatto predisporre da Ramberto Malatesta agli inizi del XVI secolo. Palazzo David, risalente al Settecento, ha da sempre ospitato la famiglia David, imparentata col poeta Giovanni Pascoli.

 

Sogliano al Rubicone ha un legame profondo col Pascoli (1855-1912) cui è stata conferita la cittadinanza onoraria nel 1906. Di Sogliano era la nonna materna del poeta, Olimpia Allocatelli; la zia materna Rita Vincenzi sposò il soglianese Placido David; le sorelle Ida e Maria furono educande nel monastero delle Agostiniane dal 1874 al 1882. Varie liriche di Pascoli furono composte a Sogliano, altre trovarono qui ispirazione. 

Proseguendo verso Piazzetta Garibaldi si incontrano l’oratorio “San Francesco di Paola” (un pregevole esempio di architettura religiosa del XVIII secolo) ed il Museo Minerario, che conserva l’antica storia delle miniere di Sogliano al Rubicone, in particolare le miniere carbonifere di Montegelli, di Montetiffi e del Capannaccio, attive fra il 1780 e il 1942. 

La porta Malatestiana sovrasta la via intitolata a G. Pascoli dove si puo’ visitare la Chiesa della Madonna dello Spasimo che appartiene alla attiguo Monastero fondato dalle Monache Agostiniane nel 1824.

In piazzetta Garibaldi si approda all’ottocentesco Palazzo della Cultura (Ripa Marcosanti) che ha 2 entrate: la prima dal lato della piazza Garibaldi permette di accede al Museo del Disco d’Epoca, al Museo di Arte Povera, alla Biblioteca Comunale “Venanzio Reali” ed alla collezione Veggiani, mentre la seconda entrata del palazzo della Cultura è in via XX settembre dove si accede al Museo Linea Christa ed il Museo Leonardo da Vinci e la Romagna.

In particolare il Museo di Arte Povera, il Museo del Disco d’Epoca sono fra i pochi musei italiani inseriti nel circuito “Google Arts & Culture” visitabili virtualmente attraverso “Google Street View”

Per gli amanti dei sapori tipici e dell’enogastronomia nel centro storico di Sogliano vi sono spazi dedicati al “Gusto” come il “Museo del Formaggio di Fossa DOP” (inserito dalla regione Emilia Romagna fra i “Musei del Gusto”) e le sedi delle fosse dove è possibile degustare e scoprire l’arte della produzione e stagionatura del formaggio di Fossa di Sogliano al Rubicone DOP. 

Diversi sono gli itinerari istituiti per escursionisti e cicloturisti con partenza dal Centro storico e dal Parco Le Greppe in particolare la tratta detta “la cioca”, con i suoi 18 tornanti, cara a Marco Pantani e denominata “la salita del pirata” alla cui estremità vi è un monumento in suo onore dove tanti ciclisti scattano una foto ricordo del loro passaggio.

Buona passeggiata o buona escursione!

Tutti i musei citati sono visitabili (informazioni per prenotare sulle singole pagine dei musei )

Da non perdere: